Nuove tendenze SEO e posizionamento su Google 2020

seo e posizionamento

Quali tendenze della SEO domineranno nel 2020?

 
Google nel 2010 ha introdotto 516 modifiche all’algoritmo, nel 2016 era già il 1653 e nel 2018 addirittura 3234 . Quindi sono circa 8 turni al giorno . Ogni 3 ore succede qualcosa che può guidare il settore SEO e posizionamento dei siti in una direzione diversa rispetto a quella seguita finora. Nulla indica che ci saranno sempre meno cambiamenti – ce ne saranno sicuramente di più. L’intelligenza artificiale di Google sta diventando così sviluppata che può apportare cambiamenti abbastanza significativi senza il coinvolgimento degli ingegneri.
 
Il settore SEO è molto impegnato a guardare i risultati della ricerca di Google che fluttuano e cambiano rapidamente. Google sembra aver eliminato alcuni cambiamenti dell’algoritmo di SEO e posizionamento nel fine settimana, il che ha comportato un grande cambiamento nelle classifiche di molti siti web. Per essere chiari, Google non ha ancora commentato le speculazioni su questo aggiornamento o confermato che si è verificato un aggiornamento. Tuttavia, cerchiamo di capire qualcosa in più sugli ultimi cambiamenti.
 

SEO e POSIZIONAMENTO con l’algoritmo BERT: una ventata di freschezza

 
Nel 2019, Google ha apportato molti aggiornamenti diversi che hanno interessato la SEO. BERT è il più importante di questi. Si tratta di una tecnica basata sulla rete neurale per la pre-formazione sull’elaborazione del linguaggio naturale (acronimo inglese: Bidirectional Encoder Representations from Transformers). L’introduzione di un nuovo algoritmo consentirà al motore di ricerca di comprendere meglio le complesse query degli utenti, che dipendono in gran parte dal contesto. Ciò significa che la qualità e la pertinenza dei contenuti avranno un ruolo ancora maggiore nel posizionamento sui motori di ricerca rispetto agli anni precedenti.
 
Oggi, il traffico di rete ampiamente compreso si basa sulla comprensione dei bisogni e delle intenzioni di alcuni, ma anche, altrettanto importante, correlandoli con l’offerta di altri. Naturalmente, ciò si riflette nel processo di SEO e posizionamento dei siti Web nel motore di ricerca di Google . BERT è entrato definitivamente nella rete, ma non ha causato molta confusione nei risultati SERP. Diciamo che è una bomba che esploderà sotto la poltrona di coloro che con piena convinzione ignorano la necessità di creare contenuti di alta qualità.
 
Fonte: https://www.blog.google/products/search/search-language-understanding-bert/Eventi che hanno avuto un impatto sul SEO nel 2019
 

Google sperimenta un nuovo look per gli utenti da desktop

 
Certamente alcuni di voi hanno già incontrato il nuovo look delle SERP che afferrano i “test di Google”. Google ha annunciato l’implementazione del nuovo aspetto dei risultati un anno fa. Questo cambiamento, tuttavia, riguardava solo i risultati mobili. Qualche settimana fa Google ha iniziato a mostrarla anche nei risultati delle ricerche effettuati da desktop , ma dopo un breve test è tornato tutto come prima. La decisione di Google ha come obiettivo il miglioramento dell’esperienza utente. La favicon accanto ai risultati di ricerca aiuta gli utenti ad orientarsi, riconoscere al volo un sito e distinguere subito le pagine che stanno cercando, ma probabilmente questo cambiamento, dopo i feedback degli utenti ha influito sul ripristino del precedente versione.
 
In seguito presentiamo i risultati in una vista mobile – nella vecchia e nuova versione (a sinistra) e l’aspetto dal desktop che ci è comparso brevemente dal Desktop:
seo e posizionamento
seo e posizionamento per motori di ricerca

Alla fine di gennaio, Google ha introdotto funzionalità aggiuntive allo strumento Search Console .

 
La modifica ha riguardato l’inclusione dell’opzione per rimuovere il contenuto dai risultati organici, la gestione del contenuto obsoleto e il contenuto contenente materiale per adulti.
 
 
Google ha anche annunciato che da aprile 2020 smetterà di supportare data-vocabulary.org come forma di implementazione di dati strutturati. Pertanto, i proprietari di siti Web dovranno passare ai tag schema.org.
 
 

Effetto sul Marketing in affiliazione e influencer

 
Probabilmente tutti coloro che usano Internet a volte si sentono inondati di pubblicità. Spesso cerchiamo informazioni da persone di fiducia che sono autorità nel nostro campo. È normale, preferiamo usare le opinioni di persone famose e apprezzate. Gli annunci classici sono estremamente artificiali, motivo per cui di solito non li prendiamo sul serio. Ciò si nota nei rapporti finanziari, ma anche in un ambiente industriale in cui vengono create sempre più agenzie per gestire il marketing di affiliazione e la collaborazione con influencer
 

Che cosa hanno in comune la SEO e posizionamento con la rete di affiliazioni?

Lavorando con gli influencer, è possibile aumentare la portata di un sito Web posizionato . Questo è usato per generare più traffico e quindi profitto. Tale cooperazione è anche un modo per ottenere preziosi link in entrata e, come sapete, Google valuta il profilo del link e lo considera come il principale fattore di classificazione per il Domain Rating.
 
Conoscendo la strategia di marketing, osservando il profilo dell’influencer, puoi facilmente valutare quali contenuti vuoi promuovere. Si specificherà quali collegamenti devono essere inseriti nella sua pagina. Se il tuo partner è una forte autorità nel settore, tali collegamenti si riveleranno preziosi. Investendo in collaborazione con Influencer, non solo migliorerai il riconoscimento del marchio, ma anche il posizionamento siti web su google nei motori di ricerca.
seo e posizionamento

Ottimizzazione del posizionamento per la ricerca vocale

Quando è stato annunciato “mobile first”, alcuni posizionatori e proprietari di siti Web hanno ignorato tendenze e dati indicando un aumento del traffico da dispositivi mobili. Oggi c’è un aumento delle richieste vocali. Google Assistant, Alexa, soluzioni proprietarie di vari produttori di apparecchiature: la scelta è ricca e le tendenze delle query vocali stanno guadagnando terreno. È importante sottolineare che le domande vocali si riferiscono non solo ai dispositivi mobili, ma anche agli elettrodomestici (Internet of Things) o alla Smart TV. In un momento in cui l’oro veniva pagato per le connessioni Internet, le domande venivano ridotte al minimo. Nel tempo, la lunghezza della frase è aumentata e oggi molte query sono frasi complete. Le domande sono diventate lunghe, ma quindi specifiche. In questa situazione, il pool di risultati è piuttosto limitato. Come puoi vedere, nel posizionamento siti web su Google e non solo, dobbiamo considerare sempre più fattori. Il traffico organico sul tuo sito aumenterà se accetti le tendenze e comprendi le intenzioni dei lettori. Troverai anche più facile ottimizzare i tuoi contenuti: attirerai la loro attenzione se inizi a rispondere a domande lunghe e specifiche.
 

La velocità di caricamento della pagina, ovvero le basi della SEO e posizionamento sono ancora valide

Sappiamo tutti che la velocità di caricamento di un sito Web posizionato è estremamente importante. Un sito web che si sta caricando lentamente non solo viene percepito male da Google, ma scoraggia anche gli utenti.  Naturalmente, lo sforzo dei copywriter qualificati per garantire che posizionato le sue pagine web IT carichi meno di 2 secondi, e il contenuto di caricamento prima di altre risorse, ma ancora una volta Google definisce chiaramente la direzione dello sviluppo.
 

Mobile Friendly

Lo slogan “ottimizzato per dispositivi mobili” è stato finora associato alla reattività. Tutti gli specialisti SEO erano consapevoli del fatto che senza di esso, un sito Web posizionato non sarebbe tra i TOP 10. Questo è ovviamente vero, ma oggi non è sufficiente solo utilizzare un modello reattivo. Google valuta la leggibilità del carattere, la facilità d’uso della pagina, i suoi elementi cliccabili. La crescente importanza e requisiti per Mobile Friendly.
È ovvio che i fattori presi in considerazione per la valutazione “mobile friendly” aumenteranno! Già oggi 4 consumatori su 5 eseguono ricerche locali utilizzando dispositivi mobili. Pertanto, l’intero ramo dei servizi e il piccolo commercio devono dare la priorità ai requisiti di “mobile friendly”.
 

In conclusione …

Google non cerca nemmeno di nascondere il suo desiderio di essere monopolista in tutti gli aspetti di Internet. Stiamo già posizionando i siti Web in base alle loro linee guida, navigando sul Web e pubblicizzando i prodotti. Quando otteniamo un risultato nella ricerca di Google , stiamo parlando di cercare informazioni su Internet, in fondo è la nostra iniziativa di collaborazione con il mondo dell’informazione per aiutare noi stessi a crescere nell’era digitale.
Desideri ricevere ulteriori approfondimenti come questo?

Iscriviti alla nostra newsletter

I contenuti di questo articolo ti sono stati utili ? Lascia il tuo voto :)

Ti potrebbe interessare anche :

error: Il contenuto è protetto da copyright !!